LA LEGGENDA DI DRACULA E DEI VAMPIRI - Cosa vedere

Brasov, Transilvania

Brasov, Transilvania

Tra castelli, cavalli e vampiri

Tra castelli, cavalli e vampiri

Dracula

Dracula

 

LA LEGGENDA DI DRACULA E DEI VAMPIRI - CODICE ISPIRAZIONE DI VIAGGIO: CD4ROS765

L’immagine del sovrano spietato passò a quella di vampiro, probabilmente per la presunta parentela con la contessa Elisabeth Bathory, che era solita fare il bagno nel sangue di vergine in modo da poter conservare il suo aspetto giovanile. Ci sono sempre stati vampiri e creature simili nella mitologia di molte culture.

 

Tuttavia, il vampiro, come era conosciuto in Europa e quindi in America, era originario delle terre slave e greche dell’Europa orientale. Ancora oggi, in Europa orientale, il mito del vampiro è molto diffuso, come il nome stesso di Dracula, legato alla tradizione rumena. In Romania Dracula è ricordato come un eroe nazionale, che ha resistito contro i conquistatori turchi e che ha difeso la sovranità nazionale contro il potente regno ungherese. Secondo le credenze popolari, il pipistrello è considerato un vampiro, perchè riposa di giorno mentre di notte esce alla ricerca di sangue.

 

L’immagine di Dracula, con il tempo è cambiata, infatti non è più quella del Principe Vlad III l’impalatore, ma quella di un vampiro commerciale che ha perso ogni senso storico. Sicuramente, uno dei tanti motivi per visitare la Romania è proprio legato al mito di Dracula. La sua città natale, Sighisoara, patrimonio dell’umanità, è un paese caratteristico per la sua architettura medioevale, e la casa dove nacque è oggi un ristorante dove l’insegna, i vini e i menu hanno tutti un richiamo sanguinolento a Dracula.

 

Qui, durante la notte di Halloween si può rivivere il temibile rituale del Killing of The Living Dead, la vecchia usanza di seppellire i morti in Transilvania, oppure si può prendere parte ai processi alle streghe, al matrimonio di Dracula, a spettacoli folk. Il Castello di Bran, conosciuto come il Castello di Dracula, è diventato uno dei monumenti architettonici della Transilvania.

 

In realtà, questo castello, veniva utilizzato durante il periodo di caccia e fu costruito dagli abitanti del villaggio come fortezza. Nonostante le credenze popolari parlino di vampiri e fantasmi, i turisti potranno trovare pace e la tranquillità nel borgo contadino di Bran. 

Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Cookies Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Cookies Policy.
OK